Bric Cenciurio
Via Roma. 24 - 12060 Barolo (Cn)
Tel. 0173/56317 - Fax: 0173/56317
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.briccenciurio.com

Anno di fondazione: 1993
Proprietà: Pittatore Sacchetto Fiorella, Pittatore Alessandro e Alberto

INFORMAZIONI

Ettari vitati complessivi: 7,5
Ettari vitati a Nebbiolo da Barolo: 2,1
Nome dei vigneti : Costa di Rose
Età dei vigneti: 18-45
Produzione: 6500 bottiglie
Possibilità di visite in azienda: SI (su preavviso telefonico)
Vendita diretta in azienda: SI

Collocazione dell'azienda:
nel centro di Barolo.

 

NOVITA'

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Mauris malesuada justo eget vestibulum sagittis. Suspendisse tristique justo a eros consectetur, non malesuada ante fringilla. Praesent id dictum dolor. Pellentesque ut risus tincidunt, ullamcorper neque ac, vehicula urna. Aenean non consectetur libero, vitae sollicitudin arcu.

Vini prodotti: Roero Arneis, Roero Arneis "Sito dei Fossili", Barbera d'Alba Superiore, Barbera d'Alba Superiore "Naunda", Langhe Nebbiolo
Barolo prodotti e numero bottiglie: Barolo Costa di Rose 3.000-5.000 bottiglie
Prima annata di produzione di Barolo: 1999
Bric Cenciurio, antico toponimo di un lembo di collina nel comune di Castellinaldo in Roero, è l’ultima arrivata nel panorama dei produttori di Barolo a Barolo, nasce dieci anni orsono, nel 1994 quando Franco Pittatore , enotecnico dipendente alla Marchesi di Barolo decide in società con il cognato Carlo Sacchetto , di acquistare terreni in Roero e di diventare produttore , vinificando anche le uve provenienti da un vigneto di proprietà a Barolo, nella zona “ Costa di Rose “.
L’obbiettivo è conglobare i terreni di Pittatore a Barolo e della famiglia Sacchetto a Magliano Alfieri , in un’unica realtà produttiva . Una meta ambiziosa ma non impossibile , anche se la sorte non è propizia , perché solo due anni dopo nel 1996 Franco Pittatore perde tragicamente la vita lavorando con il trattore la vigna a Barolo.
A prendere le redini dell’azienda, dopo la sua scomparsa e a fare in modo che il suo sogno diventi realtà è ancora il cognato, Carlo Sacchetto, affiancato dalla sorella Fiorella e dai suoi figli Alessandro e Alberto, che decidendo di studiare presso la scuola enologica di Alba scelgono di continuare la strada intrapresa dal padre, con la preziosa consulenza in cantina di un esperto come l’enologo Gianfranco Cordero .
L’azienda agricola oggi , comprendendo anche la parte nel Roero, conta su 10 ettari di vigneto, l’Arneis ( di cui vengono prodotti ben tre tipi , uno vinificato in acciaio, uno in legno ed uno passito ottenuto da uve botritizzate.), la Barbera, il Nebbiolo d’Alba e altre uve, a Magliano Alfieri e Castellinaldo.
Il Nebbiolo da Barolo si trova nella pregiata zona della “ Costa di Rose“, con un vigneto di poco più di due ettari, di età variabile dai 12 ai 25-30 anni.
La fortuna spesso aiuta gli audaci e l’esordio di Bric Cenciurio come produttori di Barolo è avvenuto nientemeno che con la grandissima annata 1999, con la produzione di circa 3000 bottiglie. Lo stile scelto con le annate 1999, 2000, 2001, è abbastanza moderno ma senza esagerazioni, con fermentazioni di media lunghezza ( una decina di giorni ) ed affinamento in tonneaux di rovere francese non di primo passaggio per quasi 24 mesi, seguito da un anno in acciaio.
Nei progetti futuri dell’azienda, oltre ad una progressiva crescita del numero delle bottiglie di Barolo prodotte ,(gli attuali vigneti consentirebbero di arrivare fino a 10-12 mila bottiglie ) figurano la creazione di un altro Barolo , affinato in botte grande e soprattutto la costruzione di una nuova cantina in Barolo, dove in futuro venga vinificata l’intera produzione aziendale.