Barale F.lli Az. Agr.
Via Roma, 6 -12060 Barolo (Cn)
Tel. 0173/56127 - Fax: 0173/56350
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: www.baralefratelli.it

Anno di fondazione: 1870 Proprietà: Sergio Barale

INFORMAZIONI

Ettari vitati complessivi: 20
Ettari vitati a Nebbiolo da Barolo: 7
Nome dei vigneti : Castellero 4 ha, Bussia 1 ha, Preda 1ha, Costa di Rose 1ha
Età dei vigneti: Castellero 35 anni, Bussia 24 anni, Costa di Rose 10 anni, preda 10 anni
Produzione: 50.000 bottiglie circa
Possibilità di visite in azienda: SI (Dal lun. al ven. orario 9,00/18.00, sabato e domencia su appuntamento)
Vendita diretta in azienda: SI
Strutture di accoglienza in azienda: No

Collocazione dell'azienda:
nel centro storico di Barolo

 

NOVITA'

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Mauris malesuada justo eget vestibulum sagittis. Suspendisse tristique justo a eros consectetur, non malesuada ante fringilla. Praesent id dictum dolor. Pellentesque ut risus tincidunt, ullamcorper neque ac, vehicula urna. Aenean non consectetur libero, vitae sollicitudin arcu.

Vini prodotti: Barolo, Barolo Vigna Bussia, Barolo Vigna Castellero, Barbaresco, Langhe Nebbiolo Vigna Bussia, Barbera d'Alba Preda, Barbera d'Alba Castellero, Dolcetto d'Alba Vigna Bussia, Dolcetto d'Alba Vigna Costa di Rose, Langhe Chardonnay Vigna Bussia, Roero Arneis, Moscato d'Asti
Barolo prodotti e numero bottiglie: Barolo Vigna Bussia 5.000 bottiglie, barolo Vigna Castellero 20.000 bottiglie, Barolo 10.000 bottiglie
Prima annata di produzione di Barolo: 1870
Tipo di Barolo prodotto: Tradizionale
Ubicata proprio nel cuore del centro storico di Barolo e fondata nel 1870 da Francesco Barale, proprietario di vigneti in alcune delle zone più vocate del paese (Castellero, Costa di Rose, Preda) e di una frazione della Bussia a Monforte, l’azienda agricola Barale, oggi condotta da Sergio Barale, viticoltore e responsabile della cantina, con la collaborazione dell’enologo Stefano DellaPiana, conta su una superficie vitata di 20 ettari, di cui sette a Nebbiolo da Barolo: 4 ettari sui 6 totali del vigneto, esposto a sud ovest, per il Castellero, 35 anni di età, e un ettaro ciascuno per i cru Preda, Costa di Rose (entrambi di dieci anni) e Bussia, che formano ancora, come oltre un secolo orsono, il cuore della tenuta agricola.
Tre i Barolo prodotti dunque, il Barolo cuvée annata, il Castellero, un Barolo che vuole essere comunicativo e confidenziale, capace di mettere a proprio agio chi lo beve, un Barolo stile borgognone, giocato sulla dolcezza, l’eleganza e la freschezza aromatica, e la riserva Vigna Bussia, prodotta solo nelle grandi annate, da uve provenienti da un vigneto del 1980, anch’esso esposto a sud ovest, di poco più di un ettaro.
Tutti i Barolo prodotti sono d’impostazione tradizionale, e fermentano, per un periodo di media lunghezza, in tini di legno di capacità media e si affinano poi, per tre anni, in botti di rovere francese di 15-30 ettolitri in cantine sotterranee dove la temperatura si mantiene costantemente fresca, ma il cru Bussia si affina ulteriormente, alla maniera antica, dopo i primi tre anni in botte, per altri due anni in damigiane da 54 litri prima di essere imbottigliato e presentarsi in etichetta come Barolo riserva Vigna Bussia.
Rigidamente tradizionalista sui Barolo, l’azienda Barale è invece aperta al nuovo e di spirito moderno su altri vini prodotti, come ad esempio la Barbera d’Alba Vigna Preda, ottenuta da uve raccolte a piena maturità provenienti da un vigneto ad alta densità e a bassa resa, dove sono presenti anche Nebbiolo e Chardonnay, affinata in botti di rovere francese per un anno, oppure il Langhe Chardonnay, da uno dei primi vigneti a Chardonnay piantato nella zona del Barolo, ad inizio anni Ottanta, a cordone speronato e con 5000 ceppi ettaro, nientemeno che a Monforte nel Vigneto Bussia. Fermentato e affinato in acciaio per esaltare la freschezza aromatica, è un vino che grazie alla particolare struttura del terreno è in grado di evolvere positivamente nel tempo e di assumere una sorprendente mineralità.
Nell’economia dell’azienda sono poi importanti e completano la gamma dell’offerta anche il Langhe Nebbiolo, da uve provenienti dalla Vigna Bussia, affinato per circa un anno in botti di rovere francese da 15 e 25 ettolitri, ed i due Dolcetto d’Alba, il Costa di Rose ed il Costa Bussia, entrambi leggermente affinati in legno, ma senza sacrificare l’eleganza dei profumi e l’inconfondibile fragranza di questo vitigno.